L’occupazione delle camere è in crescita

L’occupazione delle camere è in crescita

posted in Dossier on by with No Comments

A dicembre l’occupazione delle camere è aumentata

Buone notizie per gli albergatori italiani: l’occupazione delle camere nel mese di dicembre 2014 è aumentata. E’ questo il dato restituito da una ricerca condotta da Trademark Italia e restituita nell'”Italian Hotel Monitor”. L’indagine mensile, che viene ripetuta dal 2000, ha messo a confronto gli hotel 3, 4 5 stelle di 45 città italiane più significative in termini di movimenti commerciali e di affari tramite un panel di più di 550 manager di strutture ricettive ad apertura annuale. Ovviamente l’andamento dell’occupazione delle camere non è ovunque lo stesso, ci sono state città italiane che in controtendenza e che hanno registrato anche un segno meno a livello di occupazione, ma la maggior parte delle strutture alberghiere può dirsi soddisfatta. Le città prese a campione sono quelle che più hanno attrattive a livello religioso, culturale o di svago; sono città d’arte o che hanno organizzato eventi in grado di attirare turisti e viaggiatori. In generale la media dell’incremento occupazionale delle camere è salita di un + 2,2 % per gli hotel a 4 stelle, a fronte anche di un incremento dei prezzi pari all’1,2 %  rispetto allo stesso mese di dicembre del 2013. Gli hotel a 5 stelle segnano un incremento dell’occupazione delle camere pari al 2 % con un aumento dei prezzi medi pari a 3,4 %. Meno bene, invece, è andata per gli hotel 3 stelle che vedono, invece, una contrazione dei prezzi e registrano una crescita marginale dell’occupazione delle camere pari allo 0,2 % rispetto al dicembre del 2013. Per quanto riguarda la localizzazione di questi aumenti di presenze, le città dove gli hotel hanno segnalato almeno un + 4 % sono Trieste, Perugia, Roma e Napoli, seguite a ruota da Bergamo, Treviso, Ferrara, Firenze, Palermo e Cagliari che hanno registrato un + 3%. A segnare un segno -, invece, sono città come Bolzano, Ravenna e Pesaro che registrano un calo almeno pari al 2 % rispetto al dicembre 2013 nell’occupazione delle camere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.